Fiabe e Racconti

CIP E CIOP ALLA RICERCA DI NUOVI AMICI

Premessa Per scrivere questa storia ci siamo ispirate a due piccoli ricci che abbiamo trovato. Due ricci così piccoli così indifesi che possono essere paragonati ad alcuni bambini che tante

IL SOGNO DI SINDRO

Premessa Questa storia, nasce osservando il comportamento di Kevin in quei momenti nei quali si rapporta con gli altri, specialmente con chi ha delle difficoltà più o meno apparenti o

L’AMORE VINCE SEMPRE

Un giorno nel grande villaggio degli scoiattoli c’era Lilla la scoiattolina crocerossina. Lilla cercava sempre di aiutare il prossimo perché la faceva stare bene. Un giorno mentre era nell’ospedale centrale

LA BUSSOLA DEL CORAGGIO

Premessa Questa storia, basata su luoghi e personaggi reali, ma con avvenimenti immaginari, vuole essere un sostegno a tutti quei bambini che, per alcune loro caratteristiche, vivono a volte situazioni

La magia del mare

A tutti piaceva andare al mare. C’era la famiglia delle macchine “FLesch”che si preparava con tanta crema e tanto lucido brillante per non far rovinare la carrozzeria, c’era la famiglia

Nella città di ”Mancaqualcosa”

In un Paese molto lontano c’è una piccola cittadina, la città di “Mancaqualcosa”. Si chiama così perché a tutti i suoi abitanti manca qualcosa: per esempio, a qualcuno manca la

REBUTIA E SURFINIA

Una piccola Rebutia ed una pianta di Surfinia condividevano il davanzale di una finestrella di una graziosa casa di campagna. Sistemate dentro vasi di coccio, si trovavano vicine, quasi si

Said e la principessa

C’era una volta Giada, una principessa che abitava in un castello con suo padre Cornelius. Un giorno la principessa andò al mercato a comprare la verdura e ad una bancarella

Amicizia…

Era una fredda giornata invernale, e Spring, un giovane delfino che abitava tutto solo, era appena uscito di casa per dirigersi alla ricerca del tesoro perduto, ambito da tutti i

ABBI CURA DI SPLENDERE! EMMA ED UN MONDO DI COLORI

Premessa Questa favola è nata da uno spunto che mi ha dato mia nipote Emma e che ho voluto rielaborare riadattandola alla “condizione” vissuta da persona etichettata come “diversamente abile”.